Istituti
Fondazione Pietro Nenni

La Fondazione Pietro Nenni nasce nel 1985 come Istituto di studi e di ricerca politica, storica e sindacale, riconosciuta come tale dal Decreto del Presidente della Repubblica del 20 novembre 1986, n. 1001. Intitolata a Pietro Nenni, politico e giornalista, leader storico del Partito socialista italiano, la Fondazione svolge il compito importante di curare e valorizzare soprattutto la sua documentazione archivistica e bibliografica, dichiarata dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio di notevole interesse storico.

Come recita l’articolo 2 dello statuto: “La Fondazione non ha fini di lucro e ha lo scopo di promuovere ad attuare studi e ricerche, convegni, seminari ed ogni altra iniziativa tendente all’approfondimento dei problemi concernenti lo sviluppo sociale, politico, culturale ed economico della società contemporanea, e a sviluppare la conoscenza e la cooperazione tra i popoli”. Si occupa di organizzare quindi attività culturali quali convegni, mostre, borse di studio, pubblicazioni con istituzioni internazionali sia pubbliche che private, che riguardino in particolare la storia del socialismo italiano, del movimento operaio e della resistenza.

La Fondazione Nenni è composta dal Presidente Giorgio Benvenuto, dal Vice Presidente Carlo Fiordaliso e dal Segretario Generale e legale rappresentante Antonio Tedesco. I membri del consiglio di amministrazione sono: Pier Paolo Nenni, Paolo Pirani, Maria Vittoria Tomassi, Giorgio Benvenuto, Felice Besostri, Carlo Fiordaliso, Antonio Passaro, Cesare Salvi, Antonio Tedesco. I revisori dei conti sono: Benedetto Attili, Mario Mancini, Natalia Serao.
Dal 2012 è iniziata un’intensa collaborazione tra la Fondazione e la UIL al fine di coniugare le conoscenze storiche e il patrimonio della prima con l’esperienza della seconda e potersi dedicare insieme a studi e ricerche inerenti il ruolo svolto dallo Stato e dalle altre sue forme giuridiche nei confronti ad esempio delle realtà sindacali. E dal 16 giugno 2016 la Fondazione Nenni è entrata a far parte della FEPS.

La biblioteca della Fondazione, aperta al pubblico fin dal 1985, si è formata grazie al nucleo originario della biblioteca personale di Pietro Nenni e negli anni si è ampliata in seguito a donazioni e acquisizioni. Costituita da circa 23.000 volumi e 2.500 opuscoli, essa è specializzata nelle scienze storiche, giuridiche, sociologiche e politologiche.
La collezione di opuscoli rappresenta un Fondo di notevole interesse storico e culturale. Si tratta prevalentemente di materiale di propaganda politica, di indirizzo e di formazione culturale. Di notevole rilevanza la collezione degli opuscoli, in particolare quelli pubblicati alla fine dell’Ottocento e agli inizi del Novecento relativi ai primi anni di vita del partito socialista come i “fasci dei lavoratori” del 1893. Una collezione di circa 1.000 opuscoli fra i quali sono rilevanti quelli scritti da Lenin, Turati, Nenni, Modigliani, Bissolati.
L’emeroteca della Fondazione  consiste in oltre trecento fra quotidiani, settimanali, riviste. Alcune collezioni sono omogenee come «Critica Sociale» dal 1891 al 1924 e «Mondoperaio», la rivista fondata da Pietro Nenni. Di notevole interesse la collezione del «Nuovo Avanti», stampato in Francia durante l’esilio di Nenni, e le riviste politiche degli anni ’30, tra cui «Politica socialista» e i «Quaderni di Giustizia e Libertà».

La Fondazione possiede infine un blog e una rivista «L’Articolo 1», entrambi diretti dal giornalista Antonio Maglie.

Il patrimonio archivistico

 
Sin dalle sue origini la Fondazione ha cercato di rintracciare e raccogliere gli archivi riguardanti la storia personale di figure di spicco del socialismo italiano. La documentazione raccolta è in buona parte ordinata e schedata.
I fondi  inventariati sono: Pietro Nenni, Giuseppe Manfrin, Carlo Pagliani, Mauro Ferri, Gino Giugni, Giannino Parravicini, Leo Solari, Lamberto Mercuri, Giuseppe Tamburrano, Michele Pellicani e il fondo Partiti.Sono in corso di inventariazione i fondi di recente acquisizione come il fondo Tolloy e il fondo Gozzano.

FONDI DI ENTI

  • Partito radicale (2 buste)
  • Partiti (PSI, PCI, DC) (6 buste)
  • «Tempo presente» (2 buste)

FONDI DI PERSONE

  • Pietro Nenni (1910-1979; 276 buste, 3074 fascicoli)
  • Pietro Nenni “carte private” (10 buste)
  • Mauro Ferri (1960-1998; 42 buste, 390 fascicoli)
  • Gino Giugni (1947-2007; 122 buste, 1294 fascicoli)
  • Francesco Gozzano (6 buste)
  • Malfatti (2 buste)
  • Giuseppe Manfrin (1896-2008; 24 buste 43 fascicoli)
  • Lamberto Mercuri (1886-2003; 8 buste, 48 fascicoli)
  • Carlo Pagliani (1944-1972; 8 buste, 14 fascicoli)
  • Giannino Parravicini (48 buste, 483 fascicoli)
  • Michele Pellicani (8 buste)
  • Leo Solari (1907-2009; 33 buste, 351 fascicoli)
  • Giuseppe Tamburrano (1949-2009; 18 buste, 110 fascicoli)
  • Giusto Tolloy (40 buste)

Contatti

Via Alberto Caroncini 19 – 00197 Roma
Tel. 06.8077486 – 06.80664308
[@] info@fondazionenenni.it
[@] archiviofondazionenenni@gmail.com

Presidente: Giorgio Benvenuto
Segretario generale: Antonio Tedesco

Orario di apertura di archivio e biblioteca: lunedì-venerdì 9.30/13.30 – 14.30-18.00.

Progetto realizzato grazie al contributo di